Cronaca Mecenate / Via Mecenate

Sequestrati in un hotel 5 chili di super hashish: è il "fumo" più potente mai arrivato a Milano

La droga sequestrata aveva un principio attivo fino al 33%. Arrestata un corriere donna

Parte della droga sequestrata

Agli agenti non è stata in grado di dire una sola parola in italiano. A Milano, e in Italia, d'altronde doveva rimanerci poco: il tempo di consegnare tutto e sparire, senza quasi lasciare traccia del suo passaggio. A interrompere il suo piano, e quello di chi la muoveva come una pedina nelle sue mani, ci hanno pensato però gli agenti della Questura di Milano. 

Colpo grosso della sezione antidroga della Squadra Mobile, diretta da Lorenzo Bucossi, che ha sequestrato cinque chili di "super hashish" e ha arrestato una donna di trentasette anni, cittadina spagnola. 

 A portare i poliziotti sulle tracce del "fumo" è stata una soffiata su una donna - proprio la trentasettenne - in arrivo in città da Granada con un autobus diretto a Lampugnano. Gli agenti, convinti di andare a colpo sicuro, hanno atteso che la trentasettenne si sistemasse in hotel, un albergo in via Mecenate, e poi sono entrati in azione. 

Il super hashish da 30 euro al grammo

Nella sua camera, gli uomini della Mobile hanno trovato un borsone con all'interno cinque chili di hashish confezionati in ovuli da dieci grammi ciascuno,  a loro volta uniti in pacchetti da cento grammi. Alla vista della droga - per la forma e il metodo di "impacchettare" - gli agenti hanno intuito di trovarsi di fronte, così l'ha definita proprio il dirigente Bucossi, a una "droga di nicchia". 

A confermare questa sensazione, poco dopo, ci hanno pensato le analisi di laboratorio: nei cinque campioni di droga controllati, infatti, è stata riscontrata una percentuale di Thc - il principio attivo dell'hashish - tra il 30 e il 33%, a fronte del classico 8% della "droga di strada".

Il "super hashish", decisamente più potente e più forte, " venduto al dettaglio avrebbe avuto un prezzo di circa trenta euro al grammo: il valore del "fumo" sequestrato si aggira quindi attorno ai 150mila euro. 

La trentasettenne spagnola, che era sbarcata a Milano poche ore prima dell'arresto, aveva già in tasca il biglietto del ritorno per Granada, da effettuare sempre in pullman. I poliziotti, che l'hanno arrestato con l'accusa di spaccio, sono certi che lei fosse semplicemente un corriere. E che sopra di lei ci fosse qualcun altro, che ora è nel mirino degli agenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati in un hotel 5 chili di super hashish: è il "fumo" più potente mai arrivato a Milano

MilanoToday è in caricamento