menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Lana vergine", ma era acrilico: sequestrati 25mila vestiti, falsari traditi dal prezzo basso

I capi di abbigliamento erano prodotti a Prato e distribuiti da una ditta milanese

Le etichette parlavano di pura lana vergine, ma della calda e pregiata fibra non c’era traccia perché i tessuti erano composti interamente da poliestere e poliammide. La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato nei giorni scorsi oltre 25mila capi d’abbigliamento confezionati con filato acrilico e falsamente etichettati come filati di pregio.

I baschi verdi del Gruppo Pronto Impiego di Torino, insospettiti dai prezzi troppo convenienti di alcuni capi di abbigliamento di pregio in vendita in un negozio del capoluogo piemontese e distribuiti da alcuni grossisti di Lacchiarella, nel Milanese, hanno avviato le indagini, supportate dalle analisi scientifiche effettuate da un laboratorio chimico specializzato nel settore tessile. Gli esiti degli esami - spiegano dalla Gdf in una nota - hanno confermato i sospetti dei finanzieri svelando la reale composizione dei tessuti. 

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Alessandro Aghemo, hanno portato i finanzieri fino a Prato, dove sono stati individuati gli importatori della falsa merce e dove gli inquirenti hanno perquisito opifici e depositi in cui  venivano occultati i falsi capi di abbigliamento.

Sotto sequestro sono finiti maglioni, sciarpe e berretti, 200mila etichette e imballi già pronti per essere immessi sul mercato illegale.  Un “fiume di falsa lana” per una frode che si aggirava intorno ai 5 milioni di euro. Le macchine per cucire, le etichettatrici, le imbustatrici e le stiratrici erano in funzione a pieno regime per il confezionamento e ora è stato posto tutto sotto sequestro per il reato di frode in commercio. 

Due imprenditori di origine cinese - si legge ancora nella nota dei finanzieri - sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per reati contro l’industria e il commercio. Tutta la merce sequestrata sarà donata ad enti caritatevoli per poi essere consegnata a persona bisognose.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento