menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'imbarcazione posta sotto sequestro (fonte: Diario de Mallorca)

L'imbarcazione posta sotto sequestro (fonte: Diario de Mallorca)

Maiorca, sequestrato megayatch: apparterrebbe ad Augusto Perfetti, il "re delle caramelle"

L'imbarcazione, ormeggiata in un porto dell'isolda delle Baleari, è stata sequestrata dai finanzieri spagnoli

Guai per Augusto Perfetti, produttore mondiale di caramelle e dolciumi di Lainate. Gli agenti della dogana spagnola hanno sequestrato per una presunta evasione di 20 milioni di euro un megayatch ad una società registrata nell'isola di Mann, ma che — come riporta il Corriere in un suo articolo — apparterrebbe all'industriale lainatese.

L'imbarcazione — sette camere disposte lungo ottantuno metri di lunghezza, con tanto di eliporto — era ormeggiata nel porto turistico del Club del Mar di Maiorca. 

Secondo le autorità fiscali spagnole — citate dal quotidiano "Diario de Mallorca" — per tutta l'estate lo yatch è stato noleggiato a un milione di dollari (736 mila euro) la settimana per varie crociere nel Mediterraneo, facendo base sull'isola spagnola.

La barca, che batte bandiera delle Isole Vergini, risulta iscritta al registro nautico dell'isola di Man, un protettorato britannico considerato un paradiso fiscale. Era arrivato a nel'isola iberica all'inizio dell'estate. Le indagini dell'agenzia delle entrate spagnola erano state avviate il 21 settembre. La sua attività — secondo il fisco iberico — deve essere sottoposta alle leggi di questo paese perché è a Maiorca che, di fatto, viene svolta.

Le autorità spagnole, prima di procedere al sequestro, hanno interrogato il comandante, gli uomini dell'equipaggio, inoltre hanno passato sotto la lente d'ingrandimento tutti i registri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento