Leoncavallo, ennesimo rinvio dello sfratto al 29 novembre

Continua il problema degli sfratti rinviati: sono 70 gli accessi infruttuosi dell'ufficiale giudiziario costretto a fare retromarcia. De Corato " ci sono almeno 13 stabili pubblici e privati sotto controllo dei centri sociali. Mi chiedo se il ministro Maroni sia informato di questa situazione"

Tra la zona di Leoncavallo e quella del Circolo dei Malfattori di Via Torricelli, l'ufficiale giudiziario è arrivato a quota 70 sfratti mai portati a termine perchè costretto ogni volta ad un ritiro immediato. Il prossimo è in programma per il 29 novembre ma il rinvio degli sfratti a centri sociali pare ormai completamente fuori controllo. E' quanto denuncia l'Assessore alla Sicurezza e Vice Sindaco Riccardo de Corato, che evidenzia questa situazione di eccessiva illegalità.

Il suo timore, inoltre, è quello che con il passare del tempo, qualche centro antagonista possa rivendicare il bene per il possesso continuato in base all'uso che scatta dopo 20 anni. A Milano sono presenti, per ora, 13 stabili pubblici e privati sotto controllo dei centri sociali ed inoltre De Corato specifica "Mi chiedo se il Ministro Maroni sia informato di questa situazione e cosa aspetti a mettere a disposizione la forza pubblica per fare rispettare almeno i decreti di rilascio emessi da tribunali della Repubblica italiana".

"Dal Leoncavallo a via dei Transiti - spiega De Corato - continua la farsa delle proroghe. Che si aggiunge a un elenco di violazioni. L'ultimo perpetrato in via Sangallo, zona Città Studi, dove un centro sociale abusivo da 7 anni, Casaloca, ha piazzato altri abusivi, per lo più stranieri, in ben 9 appartamenti privati. Un'azione realizzata in barba alla proprietà privata, che ha già sporto querela. E per la quale ho chiesto la risposta dello Stato in una lettera inviata al Prefetto Gian Valerio Lombardi e al Questore Vincenzo Indolfi".


Inoltre, il Vice Sindaco comunica che anche in Via Savona 18 altri antagonisti hanno occupato due appartamenti, facendo si che la palazzina sia trasformata in un suk. Sono trascorsi tre mesi da quando è avvenuto l'ultimo sfratto portato a termine con successo dalla Polizia di Stato ed i Carabinieri, in uno stabile di Ripa di Porta Ticinese 83 occupato da no global legati all'area anarco-insurrezionalista. "Ma intanto" - denuncia De Corato - "in quella zona dei punkabbestia si divertono a pestare gli automobilisti lanciandogli contro dei pitbull. Ma prima di quel blitz dobbiamo risalire al lontano 22 gennaio 2009, giorno in cui ci fu l'intervento al Cox 18, poi vanificato da una rioccupazione notturna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento