menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cariche della polizia in via Inganni

Cariche della polizia in via Inganni

Sfrattata senza ancora la casa: sarà ospitata dal Comune

La famiglia della signora Hakima, sfrattata lunedì mattina da un appartamento privato in via Inganni, verrà ospitata da subito in albergo e nei prossimi giorni troverà sistemazione

La famiglia della signora Hakima, sfrattata lunedì mattina da un appartamento privato in via Inganni, verrà ospitata da subito in albergo e nei prossimi giorni troverà sistemazione in uno degli appartamenti del cosiddetto ‘polmone abitativo’, che il Comune di Milano sta allestendo in queste ore proprio per rispondere a simili emergenze.

Così come sempre è stato fatto per gli sfrattati che si trovano in stato di indigenza e bisogno, l’amministrazione comunale garantirà accoglienza e ospitalità, facendosi carico da sola di mettere a disposizione le strutture e le risorse necessarie per non lasciare le famiglie rimaste senza casa in mezzo alla strada e rispondere alle situazioni di maggiore necessità.

È utile ricordare che il Comune non può impedire l’esecuzione di uno sfratto da un appartamento privato e per questo l’assessore alla Casa Daniela Benelli ha più volte chiesto una moratoria e/o una graduazione degli sfratti per i casi di morosità incolpevole. Richiesta che non ha ancora ricevuto risposta né dal Governo, né dal prefetto di Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Il primo centro vaccinale dedicato interamente ai lavoratori

  • Coronavirus

    Volo dall'India, cinque positivi alla variante indiana di covid su sei

  • Coronavirus

    E' ufficiale: la Lombardia resta in zona gialla

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento