rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca San Siro / Piazzale Selinunte

Sfratto ad alta tensione: uomo si scaglia con un coltello contro i poliziotti, arrestato

L'uomo stava cercando di occupare una casa insieme alla moglie e al figlio. È stato arrestato

Ha minacciato e aggredito gli ispettori Aler che cercavano di spiegargli che non avrebbe potuto prendere possesso di quell'appartamento. Ha fatto lo stesso con gli agenti, sempre con l'arma in pugno. E così è finito in manette. 

Un uomo di 27 anni, un cittadino marocchino con precedenti e irregolare in Italia, è stato arrestato mercoledì mattina a Milano con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale. L'allarme è scattato alle 9.40, quando un dipendente Aler e un fabbro che stavano "lastrando" una casa in piazzale Selinunte hanno chiesto aiuto alla polizia. 

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, hanno trovato il 27enne che minacciava gli incaricati Aler con un coltello in mano per obbligarli a lasciargli l'appartamento e hanno visto sua moglie e il bimbo che cercavano di entrare. Neanche i ragazzi in divisa, sono riusciti a calmare l'uomo, che anzi si è scagliato contro i poliziotti, con cui ha dato vita a una violenta colluttazione. Alla fine, non senza fatica, l'equipaggio della Volante è riuscito a disarmare e bloccare l'occupante, che è poi finito in carcere. Sua moglie, una connazionale di 29 anni che proprio durante lo scontro fisico è riuscita a introdursi in casa, è stata invece denunciata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratto ad alta tensione: uomo si scaglia con un coltello contro i poliziotti, arrestato

MilanoToday è in caricamento