Cronaca Musocco / Via Privata Gadames

Sgombero palazzina occupata in via Gadames: avevano messo molotov in mano alla Madonna

La mattina del 31 maggio 2017

Attivisti sul tetto

Le forze dell'ordine, in tenuta anti-sommossa, hanno effettuato la mattina del 31 maggio un blitz in via Gadames, nella palazzina di proprietà della Chiesa, occupata da un gruppo di antagonisti. 

I giovani si sono rifugiati sul tetto. L'obiettivo della polizia è quello di sgomberare la palazzina, dopo avere monitorato - per vari giorni - la zona adiacente per accertare il numero di occupanti e valutare le modalità di intervento e le tecniche operative. "Lo sgombero è stato deciso nell'immediatezza" dell'occupazione, nota la questura, ma "si è atteso il momento più opportuno".

La zona interessata è stata isolata e gli agenti si sono introdotti nella palazzina insieme ai militari dei carabinieri e della guardia di finanza. Sul posto anche la scientifica e la Digos.

L'occupazione dell'edificio (di quattro piani) era iniziata a settembre 2016 da parte di un gruppo anarchico. A inizio maggio, gli anarchici avevano esposto ad un balcone una statua della Madonna, bendata e con in mano una molotov. Il cartello era firmato da “Comunità apostolica dulciniana“. “Abbiamo scelto di vivere in povertà - scrivono - come gli apostoli e non possiamo che occupare le casse che i ricchi decidono di tenere vuote”. L’origine ideale di questo gruppo è dunque da ricercare nella vicenda di Fra Dolcino, il frate ribelle che a cavallo del 300 si scontrò con il Vaticano. Lui e i suoi seguaci vennero sterminati nella crociata lanciata dal vescovo di Vercelli, con il benestare di papa Clemente V. Ne raccontò anche Dario Fo nel suo Mistero Buffo, come riporta Radio Popolare. Il drappo blasfemo, poi rimosso, recitava "Ve lo faremo sucare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgombero palazzina occupata in via Gadames: avevano messo molotov in mano alla Madonna

MilanoToday è in caricamento