Milano, Beppe Sala è stato il primo a rendere omaggio al feretro dell'ex sindaco Formentini

A Milano è lutto cittadino in memoria di Formentini, la camera ardente a Palazzo Marino

Formentini

È stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il primo a rendere omaggio al feretro di Marco Formentini, ex primo cittadino della città tra il 1993 e il 1997 che è scomparso il 2 gennaio 2021 a 90 anni. A Milano è lutto cittadino in memoria del sindaco Formentini, la camera ardente a Palazzo Marino sarà aperta per tutta la mattina e alle 14.30 è previsto un ricordo dell’ex sindaco leghista.

“Una persona con  una umanità straordinaria e un percorso politico alla ricerca sempre di idee e cambiamenti. Umanità e passione sono i motivi per cui Milano lo ricorderà”, ha detto Sala che ha salutato i figli dell’ex primo cittadino presenti a Palazzo Marino.

VIDEO: Formentini, le parole del figlio Stefano

A chi gli chiede la possibilità di intitolargli una via, Sala ha risposto: “Senz’altro troveremo la formula per ricordarlo, c’è la regola dei 10 anni che è rigida e che lui da ex sindaco vorrebbe rispettare. Ma è senza dubbio meritevole”, ha chiosato.

Chi era Formentini

Nato a La Spezia nel 1930, partecipò alla Resistenza come vedetta partigiana nella sua città, a 14 anni. Di idee socialiste, divenne libero professionista nel settore finanziario dopo una carriera da funzionario europeo. Aderì alla Lega Nord all'inizio degli anni '90, diventando deputato nel 1992. 

Nel 1993 la travolgente vittoria della Lega Nord e di Formentini alle elezioni comunali milanesi del dopo Tangentopoli. La Lega divenne primo partito in città con oltre il 40% dei voti. Formentini sconfisse al secondo turno il candidato di centrosinistra Nando Dalla Chiesa e governò Milano con un monocolore della Lega, forte di 36 consiglieri comunali (tra cui il giovanissimo Matteo Salvini) grazie al premio di maggioranza. 

Non fu invece completamente leghista la giunta. Tra gli assessori, l'economista Marco Vitale (bilancio), lo storico dell'arte e gallerista Philippe Daverio, recentemente scomparso (cultura), l'ambientalista Walter Ganapini (ambiente) e, sul finire del mandato, Luigi Santambrogio (trasporti), non provenivano dal Carroccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Oggi e domani Lombardia in zona arancione: regole e divieti per il weekend, cosa si può fare

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

  • Fontana: "Lombardia zona rossa, non ce lo meritavamo"

Torna su
MilanoToday è in caricamento