Cronaca

Arrivano 450mila euro per la bonifica delle vasche con materiale contaminato dalla diossina

Le due vasche, collocate tra i comuni di Seveso e Meda, si inseriscono in un contesto consolidato di tutela della biodiversità e di valore per la flora e la fauna della zona

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore all'Ambiente e Clima, ha stanziato 450.000 euro (tra il 2021 e il 2022) all'Ente regionale per i servizi all'agricoltura e alle foreste (Ersaf) per la pulizia e la messa in sicurezza delle vasche A e B nei Comuni di Seveso e Meda (Mb), nell'area 'Bosco delle querce'. Le vasche contengono il materiale derivante dalla bonifica delle aree contaminate dalla diossina (Tcdd). L'attività riguarda la loro gestione post-operativa.

L'aggiornamento del Piano delle attività di Ersaf riguarda interventi su strutture e impianti che sono necessari a garantire la sicurezza dei luoghi di lavoro e dei visitatori, con accertamenti e progettazioni propedeutiche. Come pure l'installazione di un sistema di monitoraggio del percolato ed interventi 'eventuali' sul sistema di monitoraggio delle acque sotterranee e della condizione delle vasche. Infine riguarda anche attività di studio, monitoraggio e progettazioni preparatorie agli interventi di manutenzione straordinaria, se necessari.

I finanziamenti sono a valere sul 'fondo ripresa economica (l.r. 9/2020), a seguito del programma già approvato degli interventi sulle discariche ante-norma, cessate, in gestione operativa o post-operativa. Nel piano, Regione aveva fissato i criteri per sostenere gli Enti locali che sono tenuti al loro risanamento e alla messa in sicurezza delle 'vecchie' discariche.

Le due vasche, collocate tra i comuni di Seveso e Meda, si inseriscono in un contesto consolidato di tutela della biodiversità e di valore per la flora e la fauna della zona.

La gestione affidata a Ersaf è un ulteriore passo perché quella zona, già in totale sicurezza, rimanga a disposizione dei cittadini ma sia ulteriormente valorizzata e resa ancor più fruibile, all'interno di una più vasta area ecologica che mette in rete numerosi siti ed aree protette. Senza dimenticare il significato e l'origine storico-ambientale del 'Bosco delle querce', a seguito della bonifica effettuata dopo la nube tossica del 1976. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano 450mila euro per la bonifica delle vasche con materiale contaminato dalla diossina

MilanoToday è in caricamento