rotate-mobile
Cronaca

Soppresso il notturno Milano-Parigi, Fs e Thello "licenziano" i lavoratori e non si presentano in Regione

Soppressione del servizio dal 10 marzo: i lavoratori non sono stati riassorbiti in altre tratte. E Thello e Fs non si sono presentate in audizione in Regione

La comunicazione, sul sito di Thello, è laconica: «Incapaci di garantire fino ad oggi nei nostri treni notte il rigoroso rispettoo delle misure anti-covid, e quindi di assicurarvi un viaggio sicuro, tutti i treni notte Venezia-Parigi, in entrambi i sensi, sono cancellati».

Non esiste più quindi il notturno Milano-Parigi (e ritorno), cancellato il 10 marzo in piena emergenza covid e mai più ripristinato. Questo non ha avuto ripercussioni soltanto sui viaggiatori che devono evidentemente trovare alternative, ma anche sui lavoratori che prestano servizio a bordo dei treni di Thello, in particolare quelli della Gate Gourmet/Chefs en voyage, che assistevano i passeggeri su quella tratta, a cui Thello e Gruppo Fs hanno comunicato la rescissione del contratto di subappalto. 

Alla commissione attività produttive del consiglio regionale lombardo era prevista una audizione delle rappresentanze sindacali dei lavoratori e anche di Thello e Gruppo Fs; le aziende però non si sono presentate. «E' un atteggiamento vergognoso, non si ha rispetto per il territorio lombardo e per i lavoratori. La nostra Regione merita un servizio di lunga percorrenza verso destinazioni europee e non soppressioni che ci isolano: una scelta in controtendenza con il resto d’Europa dove vengono potenziate le offerte ai viaggiatori», commenta Nicola Di Marco del Movimento 5 Stelle.

«Ora - conclude - è necessario garantire ai lavoratori della Gate Gourmet/Chefs en voyage, che assistevano i passeggeri sulla tratta, di essere riassorbiti presso altri appalti ferroviari del gruppo Fs o Trenord e lavorare per ripristinare le corse cancellate e rilanciare i treni a lunga percorrenza verso altri Stati».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soppresso il notturno Milano-Parigi, Fs e Thello "licenziano" i lavoratori e non si presentano in Regione

MilanoToday è in caricamento