Sospesa licenza ad otto bar e locali a Milano: «Ritrovi di pregiudicati e di spaccio»

In base al testo di pubblica sicurezza, il questore può sospendere la licenza ai locali pubblici. Ecco l'elenco di marzo 2017 e i motivi

Uno dei locali con licenza sospesa (foto Questura di Milano)

Le forze dell'ordine, poi, non trascurano i circoli privati che a volte sono un mascheramento di veri e propri esercizi pubblici. Per verificare questa violazione si vanno a vedere alcuni indicatori di "imprenditorialità". Se per esempio è possibile fare la tessera del circolo il giorno stesso in cui si entra, oppure l'evento è ampiamente pubblicizzato, il locale è considerato pubblico e le forze dell'ordine possono controllarlo. 

A Rozzano, per esempio, l'11 marzo è stato sanzionato il locale Tamaris di viale Monte Penice: i carabinieri della stazione locale hanno rilevato che si somministravano abitualmente bevande senza però avere effettuato la "Scia" (comunicazione di inizio attività) al Comune. I gestori hanno preso una multa di 5 mila euro. Ancora, il 5 marzo ha ricevuto una sanzione di 9 mila euro, ad opera del commissariato Scalo Romana, la discoteca Amaranta Club di via De Ruggiero per varie violazioni amministrative: tra queste, la mancata registrazione dei "buttafuori" nell'apposito elenco della prefettura e l'assenza delle strumentazioni per rilevare il tasso alcolemico dei clienti. Infine il Saiama di via Cialdini ha ricevuto, l'11 marzo, dal commissariato Comasina una sanzione di 1.032 euro per la somministrazione di alimenti e bevande a non soci.

«Il controllo del territorio - ha spiegato Ottavio Aragona, della polizia amministrativa e sociale - non è solo quello delle volanti e della prevenzione, ma si svolge anche attraverso il controllo dei locali pubblici. La licenza si sospende se c'è frequentazione assidua e sistematica di persone pericolose per la sicurezza pubblica o per fatti penali che pregiudicano la sicurezza dei cittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Si tratta - ha aggiunto - di un provvedimento che non prendiamo a cuor leggero, riconoscendo che gli imprenditori subiscono un danno, ma la legge, a mio avviso giustamente, in questi casi antepone l'interesse pubblico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Milano, esplosione in un palazzo di piazzale Libia: crolli nelle case e feriti. Grave un 30enne

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento