rotate-mobile
L'arresto

Lo spacciatore che viaggiava aggrappato a un treno in corsa

Arrestato un 29enne italiano con l’accusa di spaccio. Denunciato per porto abusivo di oggetti atti a offendere

Viaggiava aggrappato all’esterno del vagone di un treno. Nel marsupio aveva droga e diversi oggetti appuntiti. Arrestato un italiano di 29 anni con precedenti per droga e furto con l’accusa di spaccio. Denunciato per porto abusivo di oggetti atti a offendere.

L’uomo, nella mattina di domenica 12 maggio, si trovava aggrappato a un convoglio mentre il treno era in corsa, in arrivo alla stazione di Milano Garibaldi. Il capotreno lo ha notato e ha subito allertato la polizia ferroviaria. Il treno è stato fatto fermare e il 29enne è stato portato a bordo.

Qui la Polfer ha proceduto ai controlli di rito. Addosso l’uomo aveva diversi involucri con oltre 7 grammi di cocaina, più di 10 di eroina e 0,25 grammi di hashish. Inoltre, nel marsupio aveva quasi mille euro in banconote di piccolo taglio, probabilmente i proventi dello spaccio.

Non finisce qui. Il 29enne aveva con sé anche un cacciavite, una tronchese, una lima, un seghetto, un coltello e altri due oggetti metallici appuntiti. Non è chiaro il motivo per il quale aveva deciso di ‘viaggiare’ aggrappandosi al treno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spacciatore che viaggiava aggrappato a un treno in corsa

MilanoToday è in caricamento