Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Castello / Piazzale Luigi Cadorna

In metro con 8mila euro in banconote di piccolo taglio, nel casolare il "segreto"

Arrestato uno spacciatore 29enne. L'indagine partita a marzo scorso

Dietro quei soldi, tanti, doveva pur esserci un "segreto". Un uomo di 29 anni, un cittadino italiano, è stato arrestato mercoledì con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dopo essere stato trovato in possesso di 150 grammi di hashish e una serra artigianale per la coltivazione della marijuana. 

A incastrarlo sono stati gli uomini del commissariato Centro, che a marzo scorso lo avevano fermato in metropolitana a Cadorna, a Milano, e lo avevano sorpreso con pochi grammi di "fumo" in tasca, ma soprattutto con 9mila euro in contanti, tutti in banconote di piccolo taglio. Proprio quel dettaglio, tipico degli spacciatori, non era sfuggito alla squadra investigativa, che ha così iniziato ad indagare sul 29enne, che quel giorno era stato denunciato a piede libero. 

Stringendo il cerchio attorno a lui, gli investigatori sono arrivati a un casolare della provincia di Pavia, risultato poi il domicilio del ragazzo e, evidentemente, la sua base operativa. Proprio lì sono stati scoperti l'hashish e la serra e per il giovane sono scattate la manette. 

La stessa sorte, sempre mercoledì, è toccata a un 71enne - considerato rifornitore dei pusher della zona di via Padova -, che aveva nascosto la cocaina in una bambola di pezza conservata a casa sua. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In metro con 8mila euro in banconote di piccolo taglio, nel casolare il "segreto"

MilanoToday è in caricamento