Cornaredo, il bar trasformato in "distributore" di cocaina: dosi vendute e sniffate in cucina

In manette il titolare e il dipendente del bar, fermati dai carabinieri di Cornaredo. I fatti

Quando i militari sono entrati nel locale, hanno trovato una dose già pronta per essere consumata accanto a un piatto. Il resto della droga, invece, lo hanno scoperto nella cucina del bar. Ed, evidentemente, non era un caso. 

I carabinieri della stazione di Cornaredo hanno arrestato mercoledì un uomo di quarantanove anni, di origini marocchine, e un ragazzo di venticinque anni, di origini egiziane, entrambi accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

I due, stando a quanto accertato dai militari, erano rispettivamente il titolare e il dipendente di un bar che era stato trasformato in una vera e propria piazza di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante un blitz, scattato dopo aver notato alcuni clienti sospetti fuori dal locale, gli investigatori hanno scoperto 45 gammi di hashish e 30 di cocaina nascosti in un calzino lasciato in cucina. Nella stessa stanza i militari hanno anche trovato sul tavolo una dose già pronta per essere sniffata e 1200 euro in contanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Milano, i clienti non rispettano le norme anti Coronavirus: il pub decide di 'auto chiudersi'

Torna su
MilanoToday è in caricamento