Cronaca

Spacciatore usa call center come "spogliatoio" per travestirsi

Era ricercato dopo una condanna

Scovato spacciatore

Sapeva di essere ricercato perché la procura di Pavia aveva emesso un ordine di carcerazione: deve infatti scontare quasi otto mesi di carcere per furto aggravato e spaccio di droga.

Così si è dato "alla macchia": non tornava più a casa e aveva eletto un call center vigevanese come "rifugio" durante il giorno, mentre veniva ospitato per la notte da alcuni amici. Proprio seguendo loro, i carabinieri sono riusciti ad individuarlo. In particolare, uno dei suoi amici ad un certo punto è entrato nel call center in questione, in via Cavour a Vigevano, e ne è uscito poco dopo con altri abiti. Dopo circa due ore, dallo stesso call center è uscito un uomo che indossava gli stessi indumenti iniziali dell'altro.

I carabinieri si sono così avvicinati all'uomo, che però li ha riconosciuti e ha cercato di scappare. Bloccato, è risultato effettivamente essere il 35enne ricercato: si tratta di Z.H., di nazionalità egiziana. I carabinieri ora indagano per capire se la zona del call center fosse stata scelta solo come "nascondiglio" e "spogliatoio" oppure se fosse anche un luogo di attività ulteriore di spaccio di droga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciatore usa call center come "spogliatoio" per travestirsi

MilanoToday è in caricamento