Cronaca

Scopre che il figlio si droga e lo dice ai carabinieri: 18 arresti in tutta Italia

L'operazione "Zatla" terminata con numerosi arresti anche a Rho e Legnano

Arresti dei carabinieri (foto Repertorio)

Negli anni '80 i giornali le chiamavano "mamme coraggio". Erano le madri dei tossicodipendenti che, andando in parte contro (ma da un'altra prospettiva seguendo) l'istinto materno, denunciavano i figli per permettere agli investigatori di arrestare i loro "pusher" e contemporaneamente sperare che i ragazzi seguissero finalmente un programma di recupero. Si trattava di eroina, faceva paura, rovinava esistenze. Oggi è tornato l'allarme per la "bruna", ma non si tratta di un fenomeno di massa come allora.

La notizia è che una madre "del Duemila" ha fatto la stessa cosa: sospettava che il figlio (un minorenne) facesse uso di droghe e, controllandone il cellulare, ha avuto la sua conferma. Così si è recata dai carabinieri (a Gallarate) e ha segnalato la cosa. Tutto è partito nel 2014.

Risultato: 54 indagati e 18 arrestati in varie zone d'Italia. L'organizzazione si dedicava allo spaccio di droga nel Parco dei Mughetti, una zona boschiva del Saronnese. I capi sono tre marocchini, ma diversi italiani (tossicodipendenti) erano organici alla struttura malavitosa, in cambio di soldi o più spesso di droga. E non mancava un "addetto al ristoro", incaricato di portare cibo e acqua agli spacciatori nel bosco. 

Spacciatore e acquirente non si incontravano. Quest'ultimo entrava nella zona boschiva dopo avere "passato" una specie di posto di blocco a cui era posto un individuo armato di machete; poi consegnava i soldi e riceveva la droga da un "portatore". Un'organizzazione quasi perfetta e con compiti ben definiti per ciascuno dei membri. 

Gli arresti sono stati compiuti in diverse località d'Italia: a Rho e Legnano in provincia di Milano, e poi a Busto, Saronno, Novara, Verbania, Vercelli, Domodossola, Como e Fabriano. Durante l'operazione, denominata "Zatla" (hashish), sono stati sequestrati in tutto 550 grammi di hashish, 50 grammi tra cocaina ed eroina, 100 grammi di mannitolo (usato per il "taglio" delle dosi), 40 telefoni, 4 macheti e 4 auto di grossa cilindrata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scopre che il figlio si droga e lo dice ai carabinieri: 18 arresti in tutta Italia

MilanoToday è in caricamento