Cronaca Ponte Lambro / Via Elio Vittorini

Il “bosco della droga” lungo la tangenziale: market di coca per i professionisti della città

Quattro pusher si erano impossessati del boschetto tra Linate e la tangenziale Est: lì spacciavano cocaina a giovani e professionisti. Le spettacolari immagini del loro arresto

I pusher all'opera - Foto © Mt

Avevano trasformato un’area verde in una piazza di spaccio, “una delle più vivaci di Milano”. Se ne stavano seduti sull’erba, convinti di essere invisibili, e in pochi istanti accoglievano i clienti - molti dei quali noti professionisti della città - e portavano a termine l’affare. Purtroppo per loro, però, quel boschetto lungo la tangenziale est di Milano era finito nel mirino degli uomini del commissariato Mecenate diretti da Maria Luisa Pellegrino che, al termine di un'operazione curata nei minimi dettagli, sono riusciti a fermarli ed arrestarli. 

VIDEO | I quattro pusher inseguiti e arrestati dai poliziotti

foto video spaccio bosco-2

In manette sono finiti quattro giovani marocchini, tutti uomini tra i ventidue e i trentanove anni, che erano riusciti a mettere in piedi un giro di spaccio che fruttava settemila euro al giorno e che nei fine settimana raddoppiava il proprio volume di affari, con guadagni fino ad oltre quindicimila euro. 

La base del gruppo era in un boschetto di Mecenate, l’area Camm di Milano, tra l’aeroporto di Linate e la tangenziale Est, che conduce in Brianza. E anche dalla Brianza e da Monza arrivavano tanti dei clienti dei quattro: professionisti affermati o giovani diretti alle discoteche,

consapevoli che la cocaina spacciata dal gruppo fosse di ottima qualità

L’organizzazione era semplice, ma perfettamente funzionante: tutti i giorni, a partire dalle 18.30, i pusher entravano da via Vittorini e attendevano i clienti, che arrivavano dall’altro lato. Ad allontanare occhi indiscreti, invece, ci pensavano diverse vedette, tra cui alcuni acquirenti che prestavano opera da “controllori” in cambio di una dose.  

A scrivere la parola fine sul regno dei marocchini nel “boschetto della droga” sono stati gli agenti, che - la sera del 20 aprile - sono entrati in azione. In venti, si sono nascosti tra gli alberi e, chiudendo tutte le vie di fuga, sono riusciti a fermarli dopo uno spettacolare inseguimento a piedi nei campi, riuscendo anche a sequestrare venti grammi di cocaina e oltre seicento euro. 

Diversi clienti sono stati segnalati all’autorità come assuntori di sostanze stupefacenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il “bosco della droga” lungo la tangenziale: market di coca per i professionisti della città

MilanoToday è in caricamento