menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia davanti al tribunale (Negri/MT)

Polizia davanti al tribunale (Negri/MT)

Sparatoria in tribunale: "Metal detector tutti funzionanti"

L'ipotesi è che l'assassino sia entrato dal varco per gli avvocati. La conferenza stampa di Alfano, Orlando e Bruti Liberati

I metal detector del Palazzo di Giustizia di Milano erano tutti attivi e funzionanti. Questo in sintesi il messaggio all'unisono da parte del ministro dell'interno Angelino Alfano, del capo della procura Edmondo Bruti Liberati e del ministro della giustizia Andrea Orlando, in una conferenza stampa che si è tenuta nel pomeriggio di giovedì 9 aprile in procura dopo la sparatoria mattutina, nella quale hanno perso la vita tre persone e ne sono state ferite due.

"In tutti gli ingressi - ha aggiunto Bruti Liberati - vi è un varco per dipendenti e avvocati, sottoposto solo a controlli dei documenti di identità: questo sistema fino a oggi non aveva mai presentato criticità". Una delle ipotesi, suggerita da Bruti Liberati, è che l'assassino, Claudio Giardiello, sia transitato proprio dal varco per gli avvocati, forse esibendo un falso tesserino. Di sicuro era vestito elegantemente.

"E' accaduto qualcosa di gravissimo e inaccettabile", ha detto Alfano: "Faremo in modo che non accada mai più". Il ministro dell'interno ha poi rivelato che Giardiello era pronto ad uccidere altre persone a Vimercate.

"Evidentemente il sistema nel suo insieme ha visto il compiersi di errori gravi su cui ci saranno indagini", ha dichiarato Orlando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento