Sparatoria al Tribunale di Milano: tre i morti e due feriti

Il fatto alle 11 di giovedì 9 aprile

Tribunale (foto C. Negri)

Sparatoria in un'aula di Palazzo di Giustizia di Milano giovedì mattina intorno alle 11 (VIDEO DELLA SPARATORIA). Il Tribunale è stato parzialmente evacuato e corso di Porta Vittoria è stato chiuso al traffico (video: interviste alle persone presenti). I morti in totale sono tre: il giudice Ferdinando Ciampi, l'avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani e Giorgio Erba, ex socio del killer (ferito e poi deceduto in ospedale). Ci sono anche due feriti: un altro imputato, Davide Limongelli, nipote dell'omicida e un commercialista, Stefano Verna.

A sparare è stato Claudio Giardiello, 57enne, imputato in un processo per un fallimento immobiliare (video ricostruzione). L'uomo, secondo quanto trapelato, sarebbe entrato portando con sé l'arma da un ingresso laterale riservato a magistrati, avvocati e cronisti - sprovvisto di metal detector, perché questi erano tutti funzionanti, secondo quanto riferito dai ministri Angelino Alfano e Andrea Orlando e dal capo della procura Edmondo Bruti Liberati - esibendo un falso tesserino. Dopo la sparatoria, l'uomo è riuscito a scappare in sella a una moto, ma è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate. Durante l'interrogatorio in caserma l'uomo ha avuto un malore ed è stato portato in ospedale. Per gli investigatori, l'uomo voleva uccidere ancora: stava andando a 'colpire' Massimo D'Anzuoni, suo socio di minoranza in una società.

DINAMICA - Giardiello (con alle spalle diversi fallimenti immobiliari negli ultimi anni) ha sparato dapprima nell'aula al terzo piano della seconda sezione del tribunale penale. Poi è sceso al secondo piano, dove si trovano gli uffici del tribunale fallimentare, e ha colpito a morte il magistrato Ciampi. Inizialmente voleva uccidere il pm Luigi Orsi, ma lo ha mancato.

"PERSONA INQUIETANTE" - Un ex legale di Giardiello, Valerio Maraniello, ha spiegato ai giornalisti che il killer "è una persona leggermente inquietante, subito molto gentile ma poi aggressivo nei modi". Un cliente "difficile", a cui è "difficile dare consigli".

FALLIMENTI IMMOBILIARI - Claudio Giardiello era imputato nel processo di bancarotta della Immobiliare Magenta, fallita nel 2008, di cui era socio insieme a Davide Limongelli, una delle sue vittime. Alle spalle Giardiello conta almeno sei chiusure di attività in vent'anni per cessazione, liquidazione o fallimenti. Recentemente aveva subìto pignoramenti dei beni e decreti ingiuntivi. A suo carico anche debiti con l'erario e le banche.

sparatoria video-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Milano, esplosione in un palazzo di piazzale Libia: crolli nelle case e feriti. Grave un 30enne

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento