Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Perseguita da un anno la sua ex: 52enne arrestato dalla polizia

L'uomo è stato bloccato mentre era sotto casa di lei e la insultava urlando

Repertorio

Perseguitava la sua ex fidanzata da un anno, da quando era finita la loro storia. Il 25 luglio è stato arrestato dalla polizia, dopo che la donna si è presentata in commissariato Lorenteggio per raccontare il suo travaglio, iniziato nell'estate del 2017 con la decisione di lasciarlo. Lunga la sequenza di comportamenti ossessivi da parte di lui, un italiano di 52 anni che ora risponderà davanti al giudice di atti persecutori.

I primi comportamenti aggressivi si sono manifestati quasi subito, verbalmente, anche in presenza del figlio della donna e dei vicini di casa. Lui la aspettava sotto casa per riempirla d'insulti, sulla pubblica strada, non appena usciva. Il 30 giugno la vittima ha chiesto aiuto alla polizia ma all'arrivo degli agenti lo stalker si era già allontanato e non è stato possibile acciuffarlo.

Tra le altre cose, in questo arco di tempo l'uomo si è presentato in un vecchio luogo di lavoro della vittima come l'ex fidanzato e l'ha dipinta in modo mortificante presso persone che, di fatto, la donna non conosceva nemmeno bene. Ancor più forte l'imbarazzo di fronte alle sceneggiate e agli insulti davanti ai vicini di casa. 

Come spesso accade, poi, lo stalker ha spedito alla sua ex numerosissimi messaggi telefonici, anche attraverso Whatsapp, prima implorandola di tornare, poi ossessionandola e infine insultandola platealmente. Così, si diceva, il 25 luglio la donna si è rivolta in commissariato per raccontare tutto. Gli agenti le hanno suggerito di chiamare di nuovo, immediatamente, se lui si fosse presentato.

Non c'è voluto tanto: nella stessa serata l'ex compagno si è piazzato sotto il balcone di casa e ha iniziato a insultarla ripetutamente ad alta voce facendo affacciare i vicini. La donna ha chiamato il 112 e gli agenti si sono presentati sul posto per arrestarlo in flagranza.

Nonostante le denunce, tuttavia, l'uomo nega decisamente tutto quanto ricostruito dalla polizia, spiegando in una lunga lettera alla redazione di MilanoToday di non avere "mai aspettato la signora in questione sotto casa, anche perché viviamo nello stesso palazzo", e specificando che gli incontri erano casuali. L'uomo, inoltre, nella sua lettera nega anche molti altri particolari riferiti ai giornalisti dalla questura di Milano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita da un anno la sua ex: 52enne arrestato dalla polizia

MilanoToday è in caricamento