Cronaca Via Milano

La perseguita da mesi: "Sono sicuro che c'è amore reciproco"

L'uomo è sempre stato respinto dalla sua vittima. Alla fine sono dovuti intervenire i carabinieri

Segnalato uno stalker

L'ha conosciuta su un social network a luglio 2014, attirato da una fotografia. Prima qualche innocente messaggio in chat, poi un'escalation fino ad atteggiamenti esplicitamente persecutori, finché la donna non si è rivolta ai carabinieri per fermare lo stalker. La vittima è una 40enne residente a Vigevano, sposata e infermiera di professione. L'uomo è un 35enne operaio di Cernusco sul Naviglio.

Centinaia di email con apprezzamenti vari, appostamenti nei luoghi frequentati dalla 40enne, perfino piccoli dispetti come riempirle di nascosto il carrello della spesa al supermercato per metterla in difficoltà alla cassa. Ma non solo: il 35enne fingeva malori pur di essere ricoverato in ospedale quando la vittima era di turno.

La donna ha sempre respinto ogni avances, ma non è mai riuscita a farlo desistere, finché i carabinieri non sono intervenuti. Ai militari l'uomo si è detto convinto che i sentimenti fossero corrisposti. Per lui ora la segnalazione all'autorità giudiziaria che quasi certamente gli impedirà di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla donna e anche di contattarla attraverso qualunque mezzo di comunicazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La perseguita da mesi: "Sono sicuro che c'è amore reciproco"

MilanoToday è in caricamento