menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle due tele

Una delle due tele

Studentessa di arte scopre due tele di Paolo Veronese

Cristina Moro, laureanda in Statale, si imbatte nelle due tele e intuisce l'altissima qualità pittorica

Si deve a una laureanda della Statale la scoperta di due preziose allegorie dell'artista veneto Paolo Veronese, databili intorno al 1550. La studentessa, che sta per laurearsi in storia e critica dell'arte, si chiama Cristina Moro. Durante gli studi per la tesi di laurea, a Villa San Remigio di Verbania la Moro inizia a studiare l'opera di Palma il Giovane e si imbatte in due tele finora valutate come "scuola di Paolo Veronese".

Ma la studentessa - riferisce una nota della Statale - comprende subito l'altissima qualità pittorica. I due docenti che la seguono per la tesi (Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa) decidono quindi di rivolgersi a Vittoria Romani, studiosa della pittura veneziana del Cinquecento e docente all'università di Padova. Valutazioni e confronti, poi l'attribuzione al Veronese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento