rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Maciachini / Via Valtellina

Ex scalo Farini: ragazza marocchina stuprata da un palestinese

Secondo la denuncia del fidanzato della ragazza, la giovane sarebbe stata violentata sessualmente da un palestinese,in casa di conoscenti,al momento del fatto assenti. De Corato: "Le Fs mettano in sicurezza l'ex scalo Farini,rifugio di clandestini"

Ieri mattina, in uno stabile dimesso all'ex scalo Farini in Via Valtellina, una ragazza marocchina di 19 anni è stata oggetto di violenza sessuale da parte di un palestinese.

La denuncia è arrivata dal fidanzato della ragazza. Secondo il suo racconto, Lunedì sera la giovane è rimasta a dormire a casa da una coppia di conoscenti - un'italiana e un marocchino - che vivono nella stessa palazzina. Il palestinese, un 32enne irregolare, accusato dello stupro, secondo il racconto del fidanzato, sarebbe arrivato arrivato in tarda serata e avrebbe passato la notte sul divano. Quando alla mattina presto la coppia ha lasciato l'appartamento, il palestinese ha approfittato della ragazza violentandola sessualmente.

La giovane, sola e senza un cellulare per chiamare aiuto, ha aspettato il ritorno della coppia alle 13.30 ed è stata accompagnata alla clinica Mangiagalli per visite e accertamenti. Il palestinese, Hicam A., al momento del fermo, è risultato essere in possesso di 10 grammi di droga.

Venuto a conoscenza della vicenda, il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato ha dichiarato : "Lo stupro subito dalla giovane marocchina rende quanto mai inderogabile l'obbligo da parte delle Ferrovie dello Stato di messa in sicurezza dell'ex Scalo Farini che è un rifugio di clandestini. Urgenza che ho di nuovo ribadito in una lettera inviata all'amministratore Mauro Moretti solo il 20 settembre scorso. Perché di obbligo si tratta, visto che la vigente normativa in materia di sicurezza urbana a tutela del territorio impone ai proprietari di aree e strutture dimesse di adottare tutte le necessarie misure atte a prevenire qualsiasi situazione di pericolosità".

"Le Fs, dopo ripetuti solleciti, -spiega De Corato - hanno assicurato che i lavori di messa in sicurezza nell'area dell'ex scalo Farini, verranno avviati tra la fine di novembre e inizio dicembre. Troppo tardi. Serve un intervento immediato, ricordando che in caso di inadempienza il Comune interverrà in sostituzione della proprietà addebitando i costi a Fs."

Il vice Sindaco e Assessore alla sicurezza, invita però a "non far scattare allarmi fuori luogo", facendo presente che "si tratta del dodicesimo caso dal 2010 a fronte dei 61 episodi 'da strada' del solo 2007 (quelli che destano allarme sociale e che in qualche modo rimandano al controllo dei quartieri, senza contemplare le violenze domestiche che sono altra cosa)". Secondo De Corato sono
numeri che ribadiscono come in 4 anni gli stupri a Milano abbiamo avuto un crollo dell'80%."

Per quanto riguarda il fatto che gli autori siano clandestini, per De Corato viene confermato quanto detto dal capo della Polizia di Stato Antonio Manganelli e cioè che "a Milano sono irregolari gli autori di 8 reati su 10 commessi da extracomunitari. E che gli stupratori, 9 volte su 10, vengono individuati, come ha dichiarato il Prefetto Gian Valerio Lombardi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex scalo Farini: ragazza marocchina stuprata da un palestinese

MilanoToday è in caricamento