Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca Porta Magenta / Via San Vittore

Giovane si suicidò in carcere: psicologa condannata per omicidio colposo

Il tragico fatto nel 2009: la psicologa, secondo l'accusa, sottovalutò il rischio

San Vittore

Una psicologa in servizio a San Vittore è stata condannata a otto mesi di reclusione per omicidio colposo.

Il caso sorse dal suicidio di un detenuto il 12 agosto 2009: L.C., 28enne, fu trovato impiccato nella sua cella. Alla psicologa, R.D.S., sono state riconosciute le attenuanti generiche, la sospensione condizionale della pena e la non menzione. Dovrà inoltre risarcire i genitori e due fratelli con 529mila euro di provvisionale, in solido con il ministero della giustizia.

Le motivazioni verranno depositate tra due settimane, ma si è saputo che - secondo l'accusa - la psicologa avrebbe in qualche modo sottovalutato il rischio che il giovane si togliesse la vita, cosa che aveva già tentato di fare diverse volte in precedenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane si suicidò in carcere: psicologa condannata per omicidio colposo

MilanoToday è in caricamento