Cronaca

Sconti in base al merito e dottorandi gratis: le nuove tasse della Statale di Milano

Approvate le nuove norme sui contributi dal consiglio d'amministrazione: studenti soddisfatti

La Statale: nuove regole per le tasse universitarie

I dottorandi della Statale che non godono della borsa di studio non pagheranno le tasse accademiche: lo ha stabilito il consiglio d'amministrazine dell'ateneo, che ha rimodulato in generale le norme sui contributi. Questa non è infatti l'unica novità, anche se di una certa importanza perché l'università di via Festa del Perdono è tra le prime in Italia ad applicarla. Finora il dottorando senza borsa doveva pagare 700 euro all'anno di contributi. 

Particolare il meccanismo che prevede sconti sulle tasse collegati sia all'Isee sia al merito. Chi ha un Isee sotto i 14 mila euro finora non pagava la prima rata: ora potrà vedersi esentati completamente i contributi (tranne la tassa regionale), ma a condizione di sostenere almeno dieci crediti universitari nell'anno accademico precedente. Nella fascia 14-22 mila euro, invece, la gratuità sarà a condizione di sostenere il 90% dei crediti previsti. Poi altri sconti fino a chi ha al massimo 40 mila euro di Isee.

Aumenteranno invece le tasse universitarie per i fuoricorsi con reddito sopra i 40 mila euro di Isee, per un incremento fino a 250 euro in più sulla seconda rata. Nel complesso si parla di una riduzione di circa sei milioni di euro per le fasce disagiate. La "manovra" è possibile anche perché è previsto un aumento dei contributi governativi. Soddisfatti anche i rappresentanti di studenti e dottorandi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sconti in base al merito e dottorandi gratis: le nuove tasse della Statale di Milano

MilanoToday è in caricamento