Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Duomo / Piazza Cesare Beccaria

Taxi, accordo con la polizia locale per fare la guerra ad Uber

I tassisti segnaleranno movimenti "sospetti" delle auto a noleggio con conducente e la polizia locale le stanerà

Tassisti davanti a Palazzo Marino (Mesa/MilanoToday)

I tassisti, dopo le vibranti proteste dei giorni recenti contro Uber, hanno trovato un accordo con la polizia locale per "stanare" con controlli incrociati i noleggiatori con conducente che violano la legge. In particolare, quindi, coloro che non partono da un'autorimessa ma dalla strada per raccogliere i clienti, attraverso l'app della società Uber, sotto accusa per concorrenza sleale contro le auto bianche a tassametro.

I tassisti milanesi si prodigheranno a segnalare movimenti sospetti dei noleggiatori di Uber alla propria centrale del radiotaxi che girerà la comunicazione alla polizia locale. Che verrà guidata fino al noleggiatore "furbetto". I "ghisa" avranno a disposizione, per questo servizio, due pattuglie anziché una come finora.

Il comune di Milano ritirerà poi la determina dirigenziale con cui aveva ristretto le norme sul noleggio con conducente. La determina è stata sospesa dal Tar in attesa di un giudizio di merito e i tassisti temono che, in caso di bocciatura, valga di fatto un "tutti liberi" controproducente rispetto alle loro richieste. Grazie a questi due provvedimenti, i tassisti dovrebbero a questo punto revocare lo sciopero indetto per il 20 febbraio nel pieno svolgimento della settimana della moda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi, accordo con la polizia locale per fare la guerra ad Uber

MilanoToday è in caricamento