Taxi, 500 doppie guide professionali: la proposta del Comune di Milano

L'obiettivo è incrementare l'offerta, che presenta domande inevase anche del 42% in alcune fasce orarie

Il Comune di Milano intende andare avanti sul progetto di aumentare il numero di taxi in circolazione. Il motivo: la domanda ormai supera l'offerta in determinate giornate e fasce orarie, a causa della sempre maggiore attrattività di Milano che, ormai da anni, vede costantemente crescere il numero di turisti e in generale di presenze, straniere e non, rispetto a una decina d'anni fa.

I momenti principali della mancanza di offerta vengono rilevati dalle chiamate inevase: il sabato e la domenica, nella fascia oraria dalla mezzanotte alle 5 le chiamate inevase sono il 42%, nella fascia 19-21 il 31%; nei giorni feriali, nella fascia 19-21 le inevase sono il 27% e nella fascia 8-10 il 15%. Numeri che danno il senso dei provvedimenti che Palazzo Marino intende prendere: 450 nuove licenze, privilegiando il trasporto disabili (oggi le vetture adatte sono appena 41 in tutta Milano) e introduzione delle doppie guide.

Ma i sindacati dei tassisti sono sul piede di guerra e la Regione Lombardia, a cui spetta l'ultima parola sull'argomento, sembra essere dalla loro parte. Risultato: lo stallo. Ma il dialogo (almeno tra Comune e associazioni) va avanti. Le doppie guide sono il principale argomento del contendere, giacché l'aumento delle licenze, essendo una misura strutturale, può essere realmente decisa soltanto in sede regionale. E sulle doppie guide l'assessore comunale alla mobilità Marco Granelli è pronto a dimostrare che l'operazione è gradita agli stessi tassisti: sarebbero più di 150 le coppie professionali, cioè non formate da parenti, che hanno già chiesto di incrementare a 16 le ore totali di lavoro giornaliero (otto più otto, insomma). E Granelli vorrebbe portare a 500 le doppie guide con turni di 16 ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati hanno chiesto tempo per studiare il tema e capire se questi provvedimenti siano davvero necessari, ed anche la Regione Lombardia ha recentemente ma dai corridoi di Palazzo Marino si sente diire che gli studi esistono già, e riportano i dati richiamati sopra. Con punte, ripetiamo, del 42% di domande inevase. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento