menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Killer ergastolano tentò di uccidere un anziano al San Raffaele per rapina: chiesto processo immediato

Il gip lo concederà. La storia criminale dell'ergastolano, che era in permesso premio al momento della violenta aggressione

La procura di Milano ha chiesto il processo immediato per Antonio Cianci, l'uomo che il 9 novembre rapinò e accoltellò un anziano di 79 anni al San Raffaele durante un permesso premio dal carcere, dove scontava l'ergastolo per quattro omicidi agli anni '70. La decisione sul processo immediato, avanzata dal pm Nicola Rossato, sarà vagliata dal gip Ilaria De Magistris, che con tutta probabilità lo accorderà; poi Cianci potrà chiedere il rito abbreviato. 

Cianci, in carcere a Bollate, aveva ottenuto il terzo permesso premio di 12 ore nel giro di qualche mese: per i responsabili della casa di reclusione era cambiato nel tempo. Ma, secondo le indagini, premeditò l'aggressione mascherandosi da operatore sanitario con mascherina, tuta e un apparecchio per misurare la pressione, rubandole all'ospedale stesso. Poi avvicinò l'anziano chiedendogli del denaro e ricevendo quasi 10 euro. Infine lo accoltellò con un taglierino vicino alla giugulare e gli rubò il telefono.

I quattro omicidi degli anni '70

Al gip, pur non rispondendo alle sue domande, Cianci chiese se nel parcheggio sotterraneo del San Raffaele, dov'era avvenuta l'aggressione, vi fossero telecamere. Cerignolese d'origine, Cianci era arrivato a Pioltello con la famiglia negli anni '60. Il primmo omicidio risale al 1974, quando Cianci aveva appena 15 anni e lavorava con in tasca la licenza elementare. Si trovò a Segrate e chiese l'ora a un metronotte di 29 anni, poi lo freddò comn un colpo di pistola senza attendere nemmeno la risposta. Evitò il carcere per la giovane età. Cinque anni più tardi, mentre viaggiava sulla Rivoltana a bordo di un'auto rubata incappò in un posto di blocco di carabinieri. Questi lo fermarono ma Cianci, che era armato, freddò tre carabinieri. Fu arrestato e condannato all'ergastolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento