rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Duomo / Piazza del Duomo

"State lontani o mi butto": ragazza minaccia il suicidio in metro, salvata da due vigilantes

La giovane, venti anni, è stata notata da due vigilantes di Atm e poi salvata. La storia

I primi ad accorgersi di lei sono stati due vigilantes di Atm. I due, un uomo e una donna, l'hanno vista camminare in maniera strana sulla banchina e hanno deciso di avvicinarsi per capire se stesse bene. Proprio in quel momento, però, lei ha minacciato di farla finita. Un piano che fortunatamente non è andato a buon fine per la tenacia e il "fiuto" di quei due stessi vigilantes. 

Mattinata di paura quella di mercoledì in metro a Milano, teatro del tentato suicidio di una ragazza di venti anni, una giovane italiana. L'allarme è scattato poco dopo le 12.30, quando i due addetti alla security hanno visto la giovane sulla banchina della fermata di Rogoredo. Alla vista degli operatori, la 20enne ha iniziato a urlare loro di non avvicinarsi altrimenti si sarebbe buttata sotto il treno in arrivo. 

Quando il treno è arrivato, la ragazza è salita a bordo e ha cominciato a camminare nervosamente tra i vagoni, sempre sotto l'occhio attento e vigile delle due guardie.

Una volta in Duomo, la 20enne è scesa e lì gli operatori hanno deciso di intervenire, bloccandola. In metro è poi arrivata anche una pattuglia della Polfer, che ha accompagnato la giovane al Policlinico insieme ai soccorritori del 118 per tutte le cure del caso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"State lontani o mi butto": ragazza minaccia il suicidio in metro, salvata da due vigilantes

MilanoToday è in caricamento