rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Cronaca Bollate

Macerie e terre da scavo dal milanese alla Brianza: due ditte nei guai

Il materiale sarebbe stato movimentato senza le necessarie autorizzazioni. Ecco l'operazione dei carabinieri

Prima i lavori per la costruzione di un nuovo distributore di benzina a Bollate e il movimento terre, poi le indagini e infine le denunce. Tre persone sono state denunciate dai carabinieri per gestione illecita di rifiuti nella mattinata di martedì 17 ottobre; nei guai gli amministratori di due società di Limbiate (Monza). Il fatto è stato reso noto dai carabinieri attraverso una nota

Le indagini sono iniziate dopo la scoperta di alcune anomalie emerse nella gestione dei rifiuti all’interno di un cantiere a Bollate (hinterland nord di Milano) per la costruzione di un nuovo impianto di rifornimento. Macerie da demolizione, terreno e rocce da scavo che sarebbero state trasferite in Brianza "ma senza che fosse possibile una compiuta ricostruzione di tracciabilità e di legale gestione", hanno puntualizzato i militari. Da qui la contestazione di illecito smaltimento di rifiuti. 

Al termine dell'indagine è scattata la perquisizione delle due aziende brianzole coinvolte nell'attività. Durante gli accertamenti sono stasti trovati documenti "utili ai fini dell'indagine", hanno precisato i detective. Inoltre nel deposito di una delle due ditte sono stati trovati  circa 500 metri cubi di rifiuti da demolizione e terre e rocce da scavo illegalmente depositate. L’azienda, infatti, non è autorizzata al deposito ed alla gestione di rifiuti.

Per i fatti sono stati denunciati alla Procura di Milano tre persone, gli amministratori delle due società di Limbiate (Mb), coinvolte nell’attività edilizia e nella gestione del materiale da demolizione e scavo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macerie e terre da scavo dal milanese alla Brianza: due ditte nei guai

MilanoToday è in caricamento