Terrorista ucciso a Milano: così Anis Amri era arrivato in treno dalla Francia fino a Sesto

Ecco gli spostamenti di Amri Anis, il terrorista di Berlino ucciso nella notte a Sesto. I fatti

Il cadavere del terrorista _ Foto B&V

Le ultime ore della sua vita le hanno ricostruite i biglietti che aveva in tasca. Un viaggio a tappe arrivato fino alla meta prestabilita - resta da chiarire se fosse l’ultima - senza particolari problemi. Poi, nel piazzale della stazione di Sesto San Giovanni, quasi per caso, l’incontro con la polizia italiana, la richiesta di documenti, gli spari e la fine della corsa. 

Anis Amri, il terrorista di Berlino ucciso nella notte tra giovedì e venerdì a Sesto, era arrivato in città a bordo di un treno. 

Stando alle prime ricostruzioni degli inquirenti, avvalorate dai biglietti che il tunisino ventiquattrenne aveva nella tasca del giubbotto, l’attentatore di Berlino - responsabile della strage ai mercatini di Natale della capitale tedesca - avrebbe preso un treno da Chambery, in Francia. 

VIDEO | La promessa del terrorista: “Vi sgozziamo come maiali”

VIDEO TERRORISTA MILANO-2

Lì, anche sfruttando l’assenza di controlli - dalla Francia all’Italia non è obbligatoria nessuna verifica dei documenti -, sarebbe arrivato a Torino. Quindi, dal Piemonte sarebbe salito su un treno diretto a Milano Centrale, dove sarebbe arrivato attorno all’una di notte. 

Due ore dopo, poi, la sua strada si è incrociata con quella di due agenti del commissariato di Sesto. Alla richiesta di documenti, Anis ha estratto un’arma dallo zainetto e, urlando “bastardi”, ha aperto il fuoco, colpendo un poliziotto - il trentaseienne Cristian Movio - alla spalla. A quel punto, il secondo agente - il ventinovenne Luca Scatà -, ha estratto la pistola di ordinanza e ha aperto il fuoco, freddando sul colpo Anis Amri

VIDEO | L'uomo freddato e i rilievi della polizia

sesto-3

La conferma che la vittima sia il terrorista che a Berlino ha ucciso dodici persone lanciandosi con un camion contro i mercatini di Natale è arrivata dal ministro dell’Interno Marco Minniti, che si è già congratulato con i due agenti, uno dei quali è ancora in ospedale, ma non in pericolo di vita

Resta da capire adesso cosa ci facesse Anis Amri a Milano. Cercava un appoggio? Lo aveva già trovato? A queste domande darà risposta la Digos di Milano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, file e corse per le scarpe della Lidl (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

Torna su
MilanoToday è in caricamento