menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ousseynou Sy in tribunale (foto Ansa/Matteo Bazzi)

Ousseynou Sy in tribunale (foto Ansa/Matteo Bazzi)

Bus dirottato e incendiato, i racconti dei genitori: 'Mia figlia non riesce a vedere i coltelli'

I ragazzini non saranno ascoltati durante il processo in aula, come deciso dai giudici

Piccoli gesti. Azioni quotidiane scontate. E molte di queste sono in grado di rievocare in loro i ricordi di quella terribile mattinata in cui sono stati in balia di Ousseynou Sy. Per questo i bambini della scuola media Vailati di Crema scampati all'attentato del 20 marzo non saranno ascoltati durante il processo.

Durante le indagini i ragazzini sono stati ascoltati dagli inquirenti e le loro testimonianze sono state messe a verbale ma la procura ha deciso che non è necessario sentirli di uovo durante il dibattimento. E nella mattinata di lunedì 16 dicembre mamme e papà dei giovani hanno raccontato ai giudic della Corte d'Assise di Milano cosa è successo ai loro figli dopo quel terribile viaggio terminato con un incendio a San Donato.

Autobus dirottato: il video del salvataggio

Le testimonianze dei genitori

Mamme e papà dei ragazzini hanno raccontato come i loro bambini sono rimasti profondamente traumatizzati da quella terribile esperienza. "Qualche giorno fa, mentre stavamo facendo l’albero di Natale, mi è caduta una fascetta da elettricista — ha raccontato in aula la madre di una ragazzina — . Mia figlia l’ha raccolta e mi ha detto “con questa sono stata legata”, poi è scoppiata a piangere".

"Nei giorni successivi all’episodio - ha raccontato la donna davanti alla Corte d’Assise di Milano - mia figlia era molto agitata, ansiosa, se uscivamo stava attenta a tutto quello che la circondava, e se incontrava uomini mi faceva cambiare direzione". E ancora: "Non vuole vedere che utilizziamo coltelli, quando lo facciamo esce dalla stanza. In famiglia oggi stiamo abbastanza bene, non parliamo mai dell’accaduto, ma stiamo più attenti a tutto quello che ci circonda".

Un'altra mamma ha raccontato che sua figliarono quel giorno ha manifestato "Ansia e disturbi durante la notte, quanto sente puzza di benzina ha immediatamente i conati di vomito e si intristisce" anche se la piccola "si è sempre rifiutata di parlare con psicoterapeuti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
  • Cultura

    I teatri di Milano riaprono

  • Attualità

    25 aprile, presidio in piazza Castello: c'è il sì del prefetto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento