Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Stop ai "portoghesi": in metro controllo biglietti in uscita

Da giugno al via la sperimentazione: tornelli chiusi in uscita. Sarà obbligatorio mostrare il titolo di viaggio acquistato. E farà lo stesso Trenord a Cadorna: "Perdiamo 40 milioni all'anno per i furbi"

Il nuovo biglietto Atm plastificato e con gli angoli smussati

Atm mette in campo ancora più forse per la lotta ai portoghesi. Come accade in molte metropolitane del mondo, infatti, da giugno, prenderà il via una sperimentazione che porterà alla chiusura dei tornelli in uscita: oltre al controllo all'ingresso, quindi, i passeggeri dovranno esibire il loro titolo di viaggio anche dall'uscita della metropolitana. 

"Si partirà, probabilmente, lunedì 4 giugno dalle 9,30 alle 16,30, in alcune fermate della linea rossa - Duomo, Pagano, Loreto e Amendola - scelte in base allo spazio di deflusso per i passeggeri - scrive Repubblica -: dove le scale sono troppo vicine ai tornelli di uscita, per esempio, è più facile che si crei un effetto tappo (ogni passeggero impiegherà 18 secondi in più per uscire). Dopo quindici giorni, dall'orario ridotto si passerà, in queste stazioni, alla convalida in uscita ad ogni ora".

"A quel punto la sperimentazione partirà sulla linea verde (nelle fermate Centrale, Gioia, Cologno Centro, Vimodrone, Cologno Nord e Sud) e, dopo altre due settimane, sulla gialla (Porto di Mare, Corvetto, Sondrio, Duomo e San Donato)", continua il quotidiano di largo Fochetti.

I trucchetti - dal passare in due allo scavalcare - per superare "indenni" i controlli sono tanti. Ne avevamo parlato recentemente, con il trucco del "biglietto vecchio". Ora sarà ancora più difficile. Per chi verrà pizzicato, multa e pagamento "in toto" del biglietto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai "portoghesi": in metro controllo biglietti in uscita

MilanoToday è in caricamento