rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Traffico di "bionde" su internet, chiesti 23 rinvii a giudizio

Il pm di Milano, Antonio Sangermano, ha chiesto 23 rinvii a giudizio per contrabbando di sigarette a livello internazionale, del valore di dieci milioni di euro. La compravendita avveniva on line

Con alcuni siti internet dai quali i clienti potevano fare acquisti on-line, e grazie a una serie di società fittizie in giro per l'Europa e a conti correnti per
far transitare i soldi, riuscivano a gestire un contrabbando internazionale di sigarette del valore di dieci milioni di euro, movimentando solo in Italia otto tonnellate di tabacco.

In relazione a questo traffico di "bionde" via web, il pm di Milano Antonio Sangermano ha chiesto il rinvio a giudizio di 23 persone, tra cui anche alcuni acquirenti. Gli imputati, come si legge nel capo di imputazione, avevano creato "in Lettonia la struttura imprenditoriale" per gestire "l'invio delle sigarette" ai clienti "reperiti sul web", attraverso "negozi virtuali" dai nomi caratteristici: Rebelsmoke.com per il mercato americano e K2smoke.com per
ilmercato europeo.

Il denaro raccolto dalle vendite on-line, "dopo essere transitato virtualmente sulla rete internet attraverso" un sito specializzato di 'money transfer' "veniva poi depositato su decine di conti correnti" aperti in diversi Paesi, dalla Svizzera al Lichtenstein. Le sigarette arrivavano ai clienti europei, dopo essere partite dalla Repubblica di Santo Domingo e aver fatto 'tappa' nel porto olandese di Rotterdam e poi a Riga,in Lettonia e a Zurigo. Gli imputati sono accusati di contrabbando aggravato, per aver agito in un contesto transnazionale, dal 2006 ai mesi scorsi, evadendo le imposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di "bionde" su internet, chiesti 23 rinvii a giudizio

MilanoToday è in caricamento