Trasporto pubblico. Granelli: “L’integrazione tariffaria per la regione non è da fare”

"Forza Italia e Cinquestelle vogliono che Atm sia rimodellata sull’esperienza di Trenord e Atac. Ma noi non ci stiamo, ci teniamo cara la nostra efficiente Atm"

Granelli

"La riforma tariffaria che Milano e l’Agenzia di Bacino del Trasporto Pubblico hanno proposto a Regione Lombardia lo scorso 21 settembre ha per caposaldo l’integrazione tariffaria e gli abbonamenti a prezzo garantito. Ma per la Regione Lombardia non è da fare e dice no". Lo dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità in merito all’emendamento presentato e poi ritirato dall’assessore regionale al bilancio Davide Caparini in Consiglio regionale martedì.
 
"Nel 2018 – spiega Granelli – la Regione ha ricevuto ben 24 milioni di euro in più per il trasporto pubblico ma sta riducendo le risorse ai territori e non approva i piani tariffari. Forse vorrebbe costringere il Comune di Milano a tagliare i servizi? Invece noi continuiamo a sviluppare la rete e le linee in periferia, per esempio, dove dal 14 gennaio prossimo sarà prolungata la 63 a Muggiano. Forza Italia e Cinquestelle vogliono che Atm sia rimodellata sull’esperienza di Trenord e Atac. Ma noi non ci stiamo, ci teniamo cara la nostra efficiente Atm".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La riforma tariffaria che abbiamo proposto - prosegue - è necessaria e non aumenta di un centesimo gli abbonamenti annuali dei pendolari, permette agli anziani di usare l’abbonamento scontato di 17 euro al mese anche dall’inizio del servizio in superficie, permette a chi abita nei Comuni fuori Milano di pagare meno l’abbonamento annuale, da 500 a 460 euro anno, e introduce sempre e ovunque la gratuità fino a 14 anni, gli sconti per giovani e anziani, gli abbonamenti a prezzo simbolico per i disoccupati e chi ha un reddito Isee inferiore a 6.000 euro chiedendo invece uno sforzo a chi usa i mezzi soltanto occasionalmente. Perché abbiamo deciso di incentivare chi usa autobus e metropolitane quotidianamente e lascia a casa l’automobile che congestiona i quartieri di Milano e li soffoca nell’inquinamento. Noi vogliamo un servizio sempre migliore, per i milanesi, per chi abita attorno al capoluogo, per turisti e lavoratori che vengono e investono a Milano".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Milano, lunedì in centro arriva il laboratorio mobile: test gratis per il coronavirus (e per l'epatite C)

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento