Striscia: ecco il trucco per non pagare Area C (e parcheggiare gratis)

Basta un cambio di residenza. L'escamotage riesce perché il messo non controlla.

Il serivizio di Striscia

Striscia la Notizia si è occupata dei "furbetti" di Area C e sosta per residenti. Valerio Staffelli, in particolare, ha realizzato un servizio andato in onda nella puntata dell'8 aprile per spiegare un "trucchetto" per aggirare il ticket di 5 euro per entrare in auto in centro e - già che uno c'è - per non pagare il parcheggio. Come?

Semplice: cambiando la residenza. Uno dice: ma devi abitare realmente in centro. Devi avere un appartamento a disposizione. E invece - stando al servizio - non è necessario. Tutto sulla fiducia.

"Merito" del fatto che nessuno controlla. Un'attrice di Striscia si è recata nell'ufficio anagrafe del comune di Milano e ha dichiarato di vivere in via Senato 14. Dove, per la cronaca, non ci sono appartamenti: soltanto alcuni uffici e la Biblioteca di Via Senato di Marcello Dell'Utri. "Come si fa per il messo comunale?", ha chiesto l'attrice all'addetta, per capire chi e quando sarebbe venuto a controllare l'effettiva residenza.

"Non esce", è stata la laconica risposta. E il cambio di residenza? Immediato. Un click al computer ed è fatta. Subito dopo l'attrice si è recata a chiedere il pass per residenti, per parcheggiare l'auto gratuitamente sulle strisce gialle. Con la ricevuta della richiesta di cambio di residenza le è stato immediatamente consegnato un pass provvisorio da esporre sul cruscotto (come quando si cambia l'auto: stessa procedura).

Da quel momento, l'attrice di Striscia può parcheggiare gratis nelle strisce gialle del centro di Milano e può anche usufruire dei 40 ingressi gratuiti all'anno ad Area C che il comune concede, come bonus, ai residenti: esauriti i 40 ingressi, pagherà 2 euro anziché 5 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molto facile, troppo facile: certo, è pur vero che non saranno in tanti a mettere in pratica il trucco. Anche perché cambiare la residenza significa cambiare la patente e cambiare la tessera elettorale. Che dire poi delle tasse e delle tariffe comunali? Insomma, il gioco non vale la candela per molte persone. Ma se si fanno un po' di conti, a chi usa l'auto tutti i giorni per recarsi in centro farebbe risparmiare un sacco di soldi. Naturalmente non è una procedura regolare. Ma - se Striscia se n'è occupata - c'è da giurare che qualcuno l'ha già messa in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento