menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il secondo servizio

Il secondo servizio

Area C e residenza, Striscia ci riprova: "circondato" il comando dei vigili

Nuovo servizio del Tg satirico sul trucco del cambio di residenza "senza controlli" per parcheggiare gratis in centro e pagare Area C con lo sconto. Ma attenzione: ci sono conseguenze penali

Cambiare residenza per non pagare i parcheggi in centro e avere lo sconto su Area C: Striscia la Notizia ha sollevato la questione e vi è ritornata con un secondo servizio giovedì 10 aprile. Un trucco che può costare molto caro: se si viene "pizzicati" dopo avere dichiarato una falsa residenza, si può anche arrivare a risponderne in tribunale. Per non parlare di tutte le altre questioni collaterali: la tessera elettorale da rifare, così come la patente. E le tasse e tariffe comunali "sballate".

Ma se Striscia è tornata a occuparsene, probabilmente è perché più d'uno l'ha messo in atto. Dopo il primo servizio andato in onda l'8 aprile, l'amministrazione comunale non ha risposto.

Il trucco si basa sul fatto che (per i cambi di residenza interni a Milano) il messo comunale non esce. La cosa è stata detta esplicitamente dall'addetta all'anagrafe all'attrice di Striscia nel primo servizio e ripetuta a chiare lettere anche nel secondo servizio.

La stessa attrice si è recata di nuovo agli uffici, scegliendo questa volta un indirizzo di fronte al comando della polizia locale: via Larga 2. L'addetta si è accorta che la donna aveva recentemente fatto un altro cambio di residenza ma ha accettato tranquillamente la dichiarazione ("Ho litigato con la mia coinquilina, sa com'è).

"Non esce nessun messo a controllare perché il cambio Milano su Milano è immediato", la risposta dell'addetta all'anagrafe. A questo punto Striscia ha ingaggiato un altro attore che ha fatto la stessa cosa, con un indirizzo di fronte all'entrata secondaria del comando di polizia locale: "Li abbiamo circondati", ha commentato Valerio Staffelli nel servizio. Naturalmente anche in questo caso la risposta è stata "nessun controllo".

In conclusione, Staffelli ha rivolto un appello all'amministrazione perché risponda: "Siamo disposti anche a mettere una residenza nella stanza del sindaco", ha ironizzato. "I controlli - ha aggiunto - facciamoli sempre, sono importanti".

Dopo il secondo servizio, comunque, il comune ha reso noto di avere già annullato alcune richieste di cambio di residenza "palesemente mendaci".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Il calcolatore che stima quando sarà il tuo turno per il vaccino anti-covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento