menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il trucco del mendicante: una mano per l’elemosina, due per contare i soldi

L'uomo, sembra di origini romene, chiede l'elemosina agli automobilisti in via Melchiorre Gioia fingendosi menomato. Ma una foto, pubblicata dal Corsera, lo smaschera

Quello è il suo angolo, che lo abbia scelto lui o che qualcuno glielo abbia imposto. Quelle sono le sue giornate: chiedere l’elemosina agli automobilisti fingendosi invalido. Sì, fingendosi. Perché quando c’è da bussare ai vetri delle auto, l’uomo - sembra di origini romene - mostra un solo braccio, come se l’altro gli fosse stato amputato. Ma quando c’è da contare i soldi, le mani - e le braccia - sono due ed entrambe perfettamente funzionanti. 

A documentare quella che appare a tutti gli effetti la truffa di un mendicante che si trova sempre all’angolo tra Melchiorre Gioia e viale della Liberazione è il Corriere della Sera, con tanto di foto

Il copione è sempre lo stesso. L’uomo nasconde il braccio sotto il giubbotto e picchia il suo bicchierino di carta contro i vetri delle automobili ferme ai semafori. Poi, quando il bicchierino è pieno, o la giornata “di lavoro” è finita, il mendicante “libera” l’altro braccio e comincia la conta dei soldi. 

Come se non bastasse, sembra che il mendicante furbetto non sia solo. Nello stesso tratto di strada, infatti, trova posto un secondo uomo: molto simile a lui e vestito praticamente nello stesso modo. Il “trucco” usato? Naturalmente lo stesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento