rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Il raggiro / Dairago

Intercettano i telefoni della banca per "auto convalidarsi" gli assegni truffa

Due persone arrestate. Avevano già dato l'ok a un assegno circolare di oltre 53mila euro per comprare un Rolex

Guasti su guasti ai telefoni all'interno della filiale di una banca a Dairago (Milano) per bucare la linea. È la tecnica usata da due truffatori che, isolando l'istituto di credito, si sostituivano agli operatori telefonici della banca e riuscivano a far convalidare alcuni assegni circolari. Peccato per loro che, mercoledì, i militari della stazione carabinieri di Busto Garolfo abbiano subito capito e siano intervenuti sul posto, sorprendendoli nei pressi dalla banca.

In pratica i due, entrambi residenti a Napoli, I.R e B.V., dopo aver manomesso una colonnina della Tim, erano riusciti a intercettare la linea telefonica della banca e rispondevano alle chiamate, sostituendosi al personale della banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate. Dalla cronologia delle telefonate ricevute dai malfattori, si è accertato che poco prima, era pervenuta una chiamata dalla banca Nazionale del Lavoro di Mantova, il cui impiegato aveva ricevuto, dai truffatori l'assicurazione della copertura di un assegno circolare di oltre 53mila euro ricevuto da un loro cliente, come compenso per un Rolex messo in vendita sul sito Subito.it.

I due truffatori sono stati arrestati. Sono ritenuti responsabili di accesso abusivo a sistema informatico o telematico e truffa. Sono stati portati nella Casa Circondariale di Busto Arsizio. Le indagini dei militari ora si spostano sui telefoni sequestrati ai truffatori: l'obiettivo è quello di individuare altre vittime.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intercettano i telefoni della banca per "auto convalidarsi" gli assegni truffa

MilanoToday è in caricamento