menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Milano, truffa alla Cesare Pozzo: indagato Torzi, il broker della casa londinese del Vaticano

L'accusa è di avere sottratto 15 milioni di euro alla Cesare Pozzo, storica società mutualistica, attraverso la vendita di titoli lussemburghesi ad alto rischio

Anche l'uomo d'affari Gianluigi Torzi, già coinvolto nell'inchiesta vaticana relativa alla compravendita di un palazzo a Londra e accusato di estorsione alla Santa Sede, è indagato per una presunta truffa ai danni della storica società di mutuo soccorso Cesare Pozzo, una delle più importanti d'Italia, con sede a Milano. Il finanziere sarebbe stato a capo della catena di controllo che drenava liquidità dalle casse della società facendole acquistare, per circa quindici milioni di euro, obbligazioni lussemburghesi ad alto rischio e di dubbia esigibilità, che non hanno garantito gli interessi pattuiti. 

Nella mattinata del 2 marzo il nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Milano ha eseguito sei misure di arresti domiciliari (cinque con il braccialetto elettronico) e un divieto temporaneo di esercitare impresa. Torzi non è destinatario di alcuna misura, ma risulta indagato e colpito (come gli altri) da un provvedimento di sequestro per un totale complessivo, per tutti, di oltre sedici milioni e 300 mila euro.

Tra i reati contestati agli indagati, la truffa aggravata, le false comunicazioni sociali e l'appropriazione indebita, per alcuni con l'associazione per delinquere. Oltre al drenaggio di liquidità attraverso l'acquisto dei titoli lussemburghesi, i finanzieri hanno anche ricostruito pagamenti per fatture relative ad operazioni inesistenti. La ricostruzione dei flussi finanziari ha permesso di arrivare, come beneficiari finali, al presidente e al direttore generale della società mutualistica, oltre che a vari soggetti residenti in Calabria, formalmente titolari di imprese edili, alcuni dei quali vicini alla 'ndrangheta.

Infine sono stati individuati acquisti di beni di lusso attraverso carte di credito aziendali intestate a Fondo Salute, la prima società europea nel settore dell'assistenza sanitaria integrativa, frutto dell'alleanza tra la Cesare Pozzo e la francese Harmonie Mutuelle.
   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento