menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Milano, ditta truffata con la tecnica 'man in the browser': violati i sistemi di pagamento online

La Polizia di Stato ha restituito 13.550 euro, rubati online, a un'azienda di autotrasporti

Entravano nei sistemi delle aziende, cambiavano gli iban al momento dei pagamenti per farsi arrivare i soldi direttamente sui conti correnti intestati prestanome. Nei giorni scorsi, a Milano, la polizia di Stato ha restituito 13.550 euro, rubati online, a un'azienda milanese di autotrasporti vittima della truffa "man in the browser".

L'attività investigativa dei poliziotti del Commissariato Comasina ha permesso di far emergere la frode "man in the browser": il truffatore si inserisce nel sistema informatico delle vittime, nella maggior parte dei casi aziende, e attraverso malware trasmessi con la posta elettronica, dopo un'analisi dell’attività commerciale, si sostituisce all'utente per modificare i codici iban bancari di destinazione di eventuali bonifici.

Le indagini degli agenti sono state avviate a seguito di due denunce presentate dal titolare di un'impresa milanese di autotrasporti, tra agosto e settembre del 2019. Nel primo episodio, l'istituto bancario della vittima ha bloccato il bonifico che stava per essere accreditato su un conto corrente diverso da quello disposto, mentre nel secondo caso la truffa è stata consumata e i truffatori sono riusciti a "deviare" il bonifico su un altro conto corrente intestato a un 30enne italiano.

Al prestanome il 5%: chi sono i tre ingadati

Gli agenti hanno accertato che a un 23enne moldavo, intestatario e prestanome di 12 conti correnti dove venivano accreditate indebitamente le somme sottratte tramite i bonifici, veniva riconosciuto il 5% delle somme depositate da parte di un "livello criminale superiore". Il denaro sottratto, dopo poco tempo, veniva trasferito su conti esteri non raggiungibili o convertiti in moneta virtuale.

A tali conti correnti era necessario allegare un numero telefonico e, per questo, veniva utilizzata l'identità di una donna ucraina 45enne, così da rendere più difficoltosa la ricostruzione del titolare del conto. Sono cinque gli episodi fraudolenti commessi ai danni di imprese in Lombardia ed Emilia Romagna sulle quali stanno investigando le forze dell'ordine.

Il cittadino moldavo, la donna ucraina e il 30enne italiano sono indagati per accesso abusivo al sistema informatico e frode informatica. Sono in corso, infine, ulteriori approfondimenti da parte della Polizia Postale anche di altre province italiane per individuare i responsabili delle truffe che garantivano, inoltre, la percentuale agli indagati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Il calcolatore che stima quando sarà il tuo turno per il vaccino anti-covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento