menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Moto della polizia locale

Moto della polizia locale

Vigile urbano intascava le multe pagate in contanti

L'agente, con problemi economici, multava prevalentemente gli stranieri e poi si teneva il pagamento delle multe per un totale di circa 30 mila euro

Un vigile motociclista di 48 anni è stato sospeso dal servizio e indagato per peculato: multava auto, soprattutto con targa straniera (in quanto gli stranieri sono obbligati dal codice della strada a pagare in contanti) e poi si teneva i soldi.

Fra il 2013 e il 2014 l'agente avrebbe accumulato circa 30 mila euro: dei 194 verbali prelevati lo scorso anno, 86 non sarebbero stati restituiti. E nei primi mesi del 2014, avrebbe restituito solo 34 blocchetti dei 184 presi. Lo riferisce Repubblica.

Oltre la pena, da tre a dieci anni, il vigile rischia anche il licenziamento. Tullio Mastrangelo, comandante della polizia locale, difende il corpo e sottolinea che le indagini sono partite dall'interno: «Significa che abbiamo gli anticorpi».

Molti colleghi difendono comunque l'agente e parlano di una situazione economica e familiare molto complicata dopo la separazione dalla moglie: l'uomo, che ha anche una figlia, di recente è stato sfrattato. Daniele Vincini (sindacato Sulpm) afferma che forse «considerava quei soldi una specie di prestito».

Le perquisizioni in casa, nell'armadietto e nella moto in uso all'agente hanno fatto ritrovare molti verbali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento