rotate-mobile
La trappola / Barona / Alzaia Naviglio Grande

Propongono affari da milioni di euro ai tedeschi ma è una truffa: due arresti

I truffatori agivano con la con la tecnica del "rip deal": l'operazione della polizia

Proposte d'affari che si trasformavano lentamente in truffe. Spesso milionarie, come l'ultima che volevano mettere a segno. La polizia di Stato, coordinata dalla procura di Milano al termine di un'attività investigativa avviata su impulso dell'autorità giudiziaria tedesca, con il coordinamento di Eurojust, ha arrestato, in esecuzione di un mandato d'arresto europeo, due tedeschi di 29 e 35 anni.

Erano  arrivati nel capoluogo lombardo per realizzare una truffa ma sono stati arrestati dagli agenti della Squadra mobile di Milano, in collaborazione con la polizia criminale di Fürstenfeldbruck e la polizia di Starnberg, che hanno eseguito un ordine di indagine europeo emesso dalla procura di Monaco di Baviera e recepito dalla procura di Milano.

Le autorità tedesche stavano indagando su alcuni truffatori che agivano con la con la tecnica del "rip deal": gli indagati entravano in contatto con imprenditori titolari di start up, proponendo di finanziare con ingenti capitali il progetto. Poi accedevano ai conti correnti o depositi di monete elettroniche che svuotavano.

L'ultima vittima del raggiro, da cui è scaturito l'arresto, è un imprenditore tedesco a cui era stato proposto un investimento di 2,5 milioni di euro e per il quale era stato convocato per un incontro a Milano sabato 13 aprile. L'incontro d'affari, avvenuto in un ristorante in zona Navigli è stato monitorato dagli investigatori che hanno arrestato i due. Ora a San Vittore in attesa di essere estradati in Germania.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Propongono affari da milioni di euro ai tedeschi ma è una truffa: due arresti

MilanoToday è in caricamento