Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

La frode delle finte 'Vespa' elettriche: perquisizioni anche in una società di Milano

L'operazione dell'Agenzia Dogane e Monopoli

Una frode sugli scooter elettrici importati in Italia dalla Cina. È quanto scoperto dall'Agenzia dogane e monopoli attraverso alcuni controlli su una partita di merce a Livorno. A essere coinvolta anche un'azienda di Milano.

La truffa avrebbe riguardato due distinte spedizioni dalla Cina di scooter elettrici, con una violazione alla normativa sui marchi. I funzionari, infatti, hanno rilevato evidenti analogie e similitudini con la 'Vespa' Piaggio: gli scooter provenienti dall'Asia ne sarebbero delle imitazioni.

I dubbi riguardo alla probabile contraffazione e usurpazione del marchio e del design sono stati confermati dalla storica azienda italiana di motocicli. È quindi scattato il sequestro dell’intera partita di 54 motocicli elettrici, ciascuno dei quali dotato anche di indicazioni ritenute fallaci circa l’origine del prodotto, vista la presenza di uno scudetto con la bandiera italiana e indicazioni geografiche che potevano indurre il consumatore a credere si trattasse di prodotti made in Italy,

Le successive attività di indagine – coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno – delegate al Reparto antifrode dell’Ufficio Adm di Livorno – hanno portato al sequestro di altri 17 motocicli elettrici, rinvenuti durante una perquisizione in un magazzino in Toscana che veniva utilizzato dalla società importatrice - con sede legale a Milano - che è stata poi a sua volta oggetto di perquisizione da parte dell’Ufficio Adm del capoluogo.

I 71 scooter, dopo l’omologazione, sarebbero stati commercializzati al pubblico a oltre 3mila euro ciascuno, per un valore complessivo di oltre 213mila euro. All'esito dell'operazione è partita la denuncia di due legali rappresentanti della società per ricettazione e importazione di merce contraffatta destinata alla commercializzazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La frode delle finte 'Vespa' elettriche: perquisizioni anche in una società di Milano

MilanoToday è in caricamento