Cronaca Dergano / Viale Vincenzo Lancetti

Finge di non aver capito niente e fa arrestare due truffatori dello specchietto

I due sono due esperti malviventi più volte finiti nei guai per lo stesso tipo di truffa

Dopo aver capito che stava per finire nelle mani di una coppia di truffatori, ha mantenuto la calma e il sangue freddo. E li ha condotti dritti dritti verso la polizia che nel frattempo è riuscito ad avvertire. A passare in pochi minuti da vittima a eroe è un italiano di 31 anni.

A finire in manette, invece, sono due vecchie conoscenze delle forze dell'ordine, esperti nella truffa dello specchietto: un 44enne e un 57enne con alle spalle almeno una trentina di colpi. Basti pensare che attualmente uno dei due aveva un foglio di via obbligatorio per due anni dalla città di Milano e l'altro era sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo dimora.

Ai due, stavolta, è costata cara una tentata truffa in viale Vincenzo Lancetti, attorno alle 19 di martedì. A bordo di una Bmw del servizio car sharing Share Now hanno cercato di raggirare l'uomo. Lo stesso che, dopo aver notato l'andamento irregolare della Bmw, aveva deciso di accostare la sua auto per farsi sorpassare. Così, senza volerlo, dava il via al loro show.

Per prima cosa il passeggero lancia qualcosa contro l'auto del ragazzo. E subito, accusano il 31enne di aver rotto lo specchietto dello loro auto. La vittima mangia la foglia e propone ai due di fare il Cid (la Constatazione amichevole d'incidente). Loro fanno capire al volo che preferiscono i soldi in contanti e mostrano da internet il valore lordo dello specchietto: 200 euro. Il 31enne finge di starci. E, con la scusa di andare a prelevare al bancomat, si allontana e chiama la polizia. Gli agenti al telefono gli consigliano di aspettare il loro arrivo.

I due truffatori cercano di scappare quando vedono i poliziotti davanti al bancomat, all'incrocio tra via Carlo Farini e via Stelvio. Uno fugge a piedi e l'altro in auto ma vengono fermati. Uno dei due in tasca ha ancora i sassi da lanciare contro le vetture delle vittime per provocare il rumore. Sono navigati e seriali truffatori ma questa volta gli è andata male. Per loro scattano le manette.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finge di non aver capito niente e fa arrestare due truffatori dello specchietto

MilanoToday è in caricamento