Cronaca

Truffa immobiliare: la messa in scena da 120 mila euro davanti al notaio

Arrestato un finto mediatore. Con la complicità di una donna che si è finta la proprietaria ha frodato un aspirante acquirente di 120 mila euro

Repertorio

Si è finto agente immobiliare e ha messo in scena la compravendita di un appartamento: ignari il notaio, il vero proprietario di casa e l'acquirente, mentre una donna, sua complice, si è finta proprietaria dell'appartamento. La polizia e la guardia di finanza lo hanno però incastrato e arrestato in seguito ad una indagine guidata dal procuratore aggiunto Eugenio Fusco nell'ambito del nuovo pool "frodi e tutela dei consumatori".

A orchestrare la truffa sono stati in quattro: oltre al finto mediatore e alla finta proprietaria (questa ancora da identificare), altri due complici. Che si sarebbero spartiti il "bottino", ovvero 120 mila euro anticipati dall'aspirante acquirente più 4 mila euro per la mediazione. E' la prima volta che il pool di recente costituzione smaschera una truffa nell'ambito del settore immobiliare che, per il procuratore Francesco Greco, è un "settore in espansione".

Per mettere in atto la truffa e far credere al notaio che quella donna fosse la vera proprietaria dell'appartamento, è stato necessario anche falsificare diversi documenti, tra cui la carta d'identità della venditrice. Le indagini sono partite con la denuncia dell'aspirante acquirente, che dopo avere concluso l'affare si è reso conto di essere caduto in trappola. Dopo un mese è stato identificato R.T., 50enne italiano, arrestato il 24 aprile su ordine del gip Mariacarla Sacco per truffa e falso in atto pubblico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa immobiliare: la messa in scena da 120 mila euro davanti al notaio

MilanoToday è in caricamento