menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto di lusso, negozi, barca e società: il tesoro da 30 milioni di euro dei finti assicuratori

Maxi operazione dei carabinieri sulle finte assicurazioni per auto: 16 persone indagate

Il nome e il marchio dei gruppi erano veri. E anche il tesoro costruito in almeno otto anni di lavoro era reale. Ma per il resto di vero c'era ben poco. Sedici persone risultano indagate in una maxi operazione dei carabinieri del comando provinciale di Milano con le accuse, a vario titolo, di "associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffa aggravata, riciclaggio e auto-riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, esercizio abusivo di attività assicurativa e di intermediazione assicurativa e uso di marchi e segni contraffatti".

I 16 finiti nel mirino degli investigatori - coordinati dalla procura di Milano prima e da quella di Santa Maria Capua Vetere poi - sarebbero dei truffatori specializzati in finte polizze assicurative, che sarebbero riusciti a mettere a segno raggiri praticamente in tutta Italia. 

L'indagine era scattata nel 2017, quando numerosi gruppi assicurativi avevano segnalato ai militari meneghini la commercializzazione di polizze assicurative con il loro marchio, ma chiaramente contraffatte. Da lì i carabinieri sono riusciti ad individuare la base operativa del gruppo, radicato nel Casertano e - scrivono i militari in una nota - "operante almeno dal 2012 prevalentemente nei comuni di Villa Literno, Cancello ed Arnone e Castel Volturno". Il modus operandi dei falsari era semplicissimo: le polizze venivano create con nomi e loghi di assicurazioni vere - evidentemente all'oscuro di tutto - e poi vendute su "decine di siti web di finti intermediari assicurativi" che facevano così contrarre ai clienti polizze temporanee di 6 mesi o un anno. 

Durante il blitz di martedì mattina, i carabinieri hanno sequestrato beni per 30 milioni di euro, che la banda avrebbe accumulato proprio con le truffe. Nelle mani di investigatori e inquirenti - si legge in una nota - sono finiti "due sale slot e scommesse, 18 società di rivendita di autovetture, una società di commercio di abbigliamento, un negozio di abbigliamento, un immobile, tre terreni, un motoscafo, numerose autovetture anche di lusso, nonché numerosi rapporti finanziari".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento