Cronaca

Rubavano dai conti online con siti clone, sgominata banda

La polizia di Milano sgomina una banda dedita alle truffe online; con finti siti carpiva i dati di conti corrente. "Sviati" circa 2 milioni di euro

L'organizzazione dedita alle truffe online sgominata martedì mattina dalla polizia di Milano ha cercato di colpire, attraverso l'accesso abusivo ai sistemi informatici di home banking, oltre 600 correntisti, e di derubarli di una cifra complessiva di circa 2 milioni di euro.

La banda, ricostruisce la questura, inviava una email trappola che induceva i titolari di conti correnti a visitare siti clone predisposti ad hoc per carpire i loro dati e con questi, quindi, trasferiva illecitamente denaro verso conti online, carte di credito ricaricabili e schede telefoniche.

L'attività illegale si svolgeva anche su siti di giochi, dove venivano aperti due profili differenti proprio per 'ripulire' il denaro: i due utenti, appartenenti alla banda, giocavano tra loro spostando il denaro rubato dal profilo del perdente a quello del vincente.

La polizia, una volta capito il meccanismo, d'intesa con le strutture antifrode degli istituti di credito interessati, ha sperimentato un nuovo metodo di contrasto: all'insaputa del prestanome, la carta incriminata veniva 'sottoposta' ad un saldo negativo virtuale tra i 1.000 e i 2.000 euro, non visibile online ai phisher che continuavano a farvi confluire i profitti illeciti.

Da qui, secondo la Polizia, il duplice vantaggio operativo: i bonifici non potevano essere monetizzati al momento del prelievo e gli istituti potevano restituire ingenti somme sottratte. Secondo quanto riferito dalla polizia, infatti, il danno potenziale, stimato in oltre 2 milioni di euro, è stato limitato a 300mila euro (fonte: ansa).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubavano dai conti online con siti clone, sgominata banda

MilanoToday è in caricamento