menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Milano quattrocento casi di tubercolosi all'anno

Il 24 marzo la Giornata mondiale contro la tubercolosi. A Milano, i casi di Tb diagnosticati all'anno sono circa 400: la prevalenza uomini, con un rapporto 2 a 1

A Milano ogni anno sono 400 i casi di tubercolosi diagnosticati con una prevalenza di uomini (2 a 1), anche se per alcune comunità straniere gli ammalati sono in maggior numero donne. Il trend da alcuni anni è stabile, ma tra i pazienti sono in crescita rispetto al 2011 i casi di multiresistenza ai farmaci e, quindi, i più difficili da curare.

La conferma arriva dalla Asl Milano che effettua il monitoraggio su circa 1,6 milioni di abitanti (capoluogo lombardo e sei comuni della Provincia) e dall’Istituto Villa Marelli Ospedale Niguarda, il Centro regionale di riferimento per la tubercolosi.

Dell’incidenza della malattia e dell’importanza di prevenzione e terapia si è parlato oggi a Palazzo Marino durante la presentazione del convegno “la TB nelle aree metropolitane” che si terrà domani, in piazza della Scala 2, in occasione della Giornata mondiale della tubercolosi (sabato 24 marzo).  Sono intervenuti: l’assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute, Pierfrancesco Majorino, Giorgio Besozzi (direttore centro di formazione permanente tubercolosi e membro direttivo Stop TB Italia Onlus), Marino Faccini (Asl Milano – Struttura profilassi malattie infettive e vaccinazioni), Luigi Codecasa (responsabile Centro regionale di riferimento per la tubercolosi, Istituto Villa Marelli, azienda ospedaliera Niguarda Ca' Granda). Gli ultimi dati della Asl di Milano fanno riferimento a una popolazione di circa 1,6 milioni di abitanti. Il quadro delineato dice che a Milano sono diagnosticati ogni anno una media di oltre 400 casi di tubercolosi (40% della Lombardia, il 9% su scala nazionale). L’incidenza sui soggetti residenti è di 20 casi su 100 mila abitanti (trend stabile degli ultimi dieci anni). 

Pur potendo colpire soggetti di qualunque strato sociale, la tubercolosi si sviluppa maggiormente in situazione di fragilità e in presenza di fattori di rischio concomitanti: immigrazione da Paesi ad alta endemia, povertà ed emarginazione, disagio sociale e sovraffollamento. Tra i cittadini stranieri la proporzione di casi di tubercolosi è di circa il 70%: il maggior numero di malati rientra nella popolazione adulta. Tra gli italiani i più colpiti sono gli anziani. 

Nei bambini i casi di tubercolosi rappresentano il 5% del totale. Gli ultimi casi di epidemia hanno riguardato questa fascia della popolazione: 171 bambini infetti e 15 malati nella scuola primaria Leonardo da Vinci di Milano. Recentemente altri casi sono stati registrati a Roma presso il reparto di neonatologia del Policlinico Gemelli e a Torino all’Ospedale delle Molinette, dove la malattia si è diffusa tra i tirocinanti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento