Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Uccise la moglie nel 2000 e fuggì in Marocco: nessuna notizia ufficiale di lui

Partirà comunque il processo. L'uomo era un violento: era stato condannato anche per avere colpito la figlia 11enne con un cric

Partirà il processo per omicidio

Va a processo Nabih Bachir, oggi 54enne, di nazionalità marocchina, sotto accusa per avere ucciso la moglie a Settimo Milanese il 23 novembre del 2000. L'uomo si costituì ad Agadir qualche giorno dopo l'episodio. Ora il gup Franco Cantù Rajnoldi lo ha rinviato a giudizio accogliendo la richiesta della procura di Milano.

Tuttavia dell'uomo non si sa nulla, perché la procura di Milano non ha mai avuto notizie dal Marocco e l'uomo risulta ufficialmente latitante, senza che sia stato possibile procedere con la richiesta di estradizione. Una delle due figlie si è costituita parte civile e il suo legale ha protestato contro le mancate risposte del Marocco alle numerose richieste presentate ufficialmente dalla procura meneghina, anche al console marocchino.

L'uomo aveva precedenti per violenza domestica: nel 1997 era stato condannato a quattro anni per avere colpito alla testa con un cric la figlia maggiore nel 1993, quando aveva 11 anni; poi, scarcerato, aveva continuato con le violenze fino all'omicidio perpetrato nei confronti della moglie, che venne trovata solo dopo che l'uomo, tornato in patria, confessò l'omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise la moglie nel 2000 e fuggì in Marocco: nessuna notizia ufficiale di lui

MilanoToday è in caricamento